Come eliminare oggetti indesiderati da un Video con After Effects: un metodo pratico e veloce.

Quando filmiamo un video, sia in contesti professionali che amatoriali, non abbiamo sempre il controllo di quello che succede nella scena. A volte compaiono imprevisti, persone in scena, oggetti indesiderati. Spesso ce ne accorgiamo direttamente in studio, in fase di montaggio. E ancora più spesso non c’è modo, o non c’è budget, per girare nuovamente la scena. Quindi???

“Lo aggiustiamo dopo in post” è uno dei tipici atteggiamenti da evitare, ma alla fine ci caschiamo sempre tutti. Quindi vediamo un modo semplice e pratico per correggere errori nei video “come fossimo in Photoshop”.

N.B. Questa è una soluzione pratica e temporanea, visto che Adobe rilascerà una funzionalità simile al Content-Aware di Photoshop anche per i video su AE: https://www.youtube.com/watch?v=TzBZWBht02I.

Risorse utiliVideo Test sul quale ho realizzato il Tutorial

Tutorial Video: Video Tutorial su Youtube

Apriamo la scena in AE

Possiamo aprire AE con un nuovo progetto, oppure usare Dynamic Link e trasformare una Clip di Premiere in una sequenza AE. Io solitamente utilizzo la seconda soluzione, perchè l’editing classico lo faccio (ovviamente) su Premiere. Il risultato però non cambia!

Mascheriamo gli oggetti indesiderati

Utilizziamo lo strumento maschera su AE, probabilmente un ellissi o cerchio è la soluzione più veloce e pratica per questo metodo.

 

Invertiamo la maschera, poiché stiamo eliminando una porzione di Video. Regoliamo anche l’espansione e la sfocatura della maschera per ottenere un bordo sfumato (e non una linea netta).

Se sono presenti altri oggetti da mascherare possiamo eseguire gli stessi passaggi aggiungendo un ulteriore maschera. Ma concentriamoci per ora sul primo oggetto da rimuovere.

Selezioniamo la maschera e scegliamo la proprietà Mask Path (Forma della Maschera). Posizioniamoci sul primo frame dell’animazione e attiviamo i keyframe per quella proprietà. 

Animiamo la forma della maschera nel tempo “seguendo” il nostro oggetto da mascherare, assicurandoci che sia sempre nascosto. Consiglio di scegliere un frame all’inizio, un frame alla fine, e di aggiustare con 2 o 3 frame intermedi se necessario.

Duplichiamo l’intero video

Ora vogliamo creare un doppione del nostro video (possiamo farlo anche appena importato il video nella composizione). Quindi duplichiamo il livello, e rimuoviamo la (o le) maschere appena create dal livello sottostante. Il risultato temporaneamente sarà che l’immagine finale è tornata come l’originale, poiché “guardando” attraverso alla maschera vediamo il livello sottostante, identico all’originale.

Ora però scegliamo gli strumenti di trasformazione del livello sottostante e andiamo a modificare la posizione del livello. Spostandoci gradualmente andiamo a rimuovere il nostro oggetto creando un effetto del tutto simile al “Timbro Clone” ma senza aver bisogno di disegnare/spennellare frame per frame.

Riposizioniamo il livello

Ora dobbiamo correggere la posizione del livello sottostante nella durata dell’animazione. Posizioniamoci sul primo frame e attiviamo i keyframes per la proprietà posizione.

Similmente al lavoro svolto per la maschera, andiamo sull’ultimo frame e nei frame intermedi a correggere (se necessario) la posizione del livello per “riempire” la nostra correzione.

Problematiche note

Questo metodo rapido di correzione non è esente da difetti, anzi. È consigliato per piccoli dettagli da rimuovere all’interno di zone dell’immagine dove un Timbro Clone potrebbe essere la soluzione adatta. 

Le problematiche più evidenti sono presenti in scene con grandi movimenti di camera. Il difetto principale è la duplicazione dei dettagli (tipica del Timbro Clone).

Un altro difetto evidente è la distorsione prospettica dell’immagine. Più il nostro campionamento è distante dalla posizione originale, più sarà accentuata la differenza di prospettiva, soprattutto in movimenti accentuati (pan e rotazioni di camera).

Tuttavia in molti casi si rivela una soluzione da testare prima di avventurarsi in TimbroClone estremi o Rotobrush.

Regoliamo la luminosità 

Ultimo difetto tavola evidente, è la differenza di luminosità tra l’immagine e la nostra “toppa”. In questo caso possiamo risolvere il difetto aggiungendo un livello di regolazione luminosità a Curva nel nostro livello sottostante.

Ho condiviso la mia esperienza perchè il risultato è più che soddisfacente, e prima di avventurarsi in tecniche più complesse, vale la pena provare le soluzioni “semplici”.

Qui un breve tutorial video (muto) della correzione appena illustrata: 

Spero vi sia utile!

 

Massimiliano

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.